Tag: authorship

John Mueller

L’authorship sparirà dalle SERP di Google

Solo pochi mesi fa Google portava sul mercato un’importante novità nella visualizzazione dei risultati di ricerca delle proprie pagine. Grazie infatti alla possibilità di associare ai siti e blog la paternità degli stessi, Google mostrava a fianco delle SERP l’immagine del webmaster e dell’autore dei contenuti, nonché il numero di cerchie ad esso associate. Un’innovazione che nelle prime battute sembrava non avere colpito più di tanto gli internauti ma che in breve tempo aveva fatto strada: infatti l’associazione di un volto ad un contenuto ha creato in breve tempo un’inconscia fiducia nei navigatori della rete, stimolati a cliccare molto di più sui link con l’authorship visibile.

In termini numerici si è stimato, in questi mesi, un aumento medio delle visite con authorship legato al sito di circa il 25%, con grande vantaggio per chi si è adoperato a curare non solo i contenuti dei blog gestiti ma anche le interazioni sul social del colosso Californiano. Tutto inutile, tutto da resettare: sono bastate poche righe di un post dal profilo G+ di uno dei più apprezzati Webmaster Trends Analyst di Google, John Mueller, per cancellare tutte queste convinzioni. Mueller spiega come, nell’ottica di mantenere chiara e pulita la visualizzazione dei risultati di ricerca, siano essi tramite pc o sistema mobile, l’azienda abbia deciso di eliminare la foto del profilo e le cerchie di Google+ associate al link di riferimento.


Un’uscita inaspettata che lascia perplessi tutti i webmaster che negli ultimi periodi hanno investito tanto nella profilazione online. Le preoccupazioni principali fondano le radici nella convinzione che il “ritorno al passato” promosso da Google faccia perdere quella quota di visitatori tanto sudata e conquistata attraverso la fiducia veicolata dall’authorship. Anche su questo aspetto il breve post di Mueller cerca di rassicurare il pubblico interessato comunicando che dalle analisi condotte, il comportamento degli utenti, quantificato in click-through, con questa nuova, o meglio vecchia, grafica non mostra scostamenti rilevanti.

Sarà, ma dalle prime indiscrezione che trapelano sulla rete, questa convinzione non è così radicata, anzi. Già si ipotizza che il danno alle performance delle “pagine con la faccina” sarà elevato, azzerando tutto ciò che l’authorship, in questi mesi, ha creato. Quella che probabilmente doveva essere la frontiera del 3.0 delle SERP Google rischia di diventare un pericoloso balzo all’indietro che non soddisfa per nulla gli utenti del web. Staremo a vedere come la progressiva dismissione del setup attuale impatterà in termini di traffico e se le stime improvvisate, ma allarmanti, saranno o meno smentite.

authorship, google, John Mueller

Cookie Policy - Privacy Policy

Esperto SEO Srl - Viale Cesare Battisti, 179, 05100 Terni TR - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 0744.409703 - Fax: +39 0744.429985