• Home

Categoria: Varie

Categoria con news varie non necessariamente relative ad argomenti SEO

Guadagnare su Facebook

Tu cerchi come conquistare una ragazza su Facebook e “io guadagno”

Per i più avvezzi nell’ambiente dell’internet marketing sembrerà una banalità, ma per chi invece frequenta Facebook per il puro divertimento potrebbe essere una divertente scoperta 🙂

Cominciamo col dire che il target di questa parola chiave, non è esattamente una nicchia, bensì una fetta importante del mercato degli info-prodotti ( robe tipo ebook e/o manuali scaricabili in pdf ).

Infatti oltre ad essere molto competitiva in termini di ranking ( posizione nei motori di ricerca ), genera enormi guadagni se si riesce a dominare i primi risultati di Google.

Provate semplicemente a cercare in Google roba tipo:

  1. Come conquistare una ragazza
  2. Come sedurre una donna
  3. E perchè no : come sedurre un uomo
  4. Come incastrare un uomo sposato

Ce n’è per tutte le vostre più assurde fantasie. Probabilmente qualcuno che esegue spesso queste ricerche, stanotte, in cerca di risultati nuovi e inaspettati, finirà per leggere questo post e si starà già chiedendo:

  1. Ma dov’è la guida gratis
  2. E l’ebook da scaricare in cambio della mia mail?
  3. E il form per iscriversi alla interminabile ed estenuante mail ricorsiva che mi costringerà a cambiare account di posta per non riceverne più?

Niente di tutto questo. Qui non si vende nulla. Ne ho fatte di guide e se qualcuno me lo chiederà vi dirò anche il sito dove trovarle gratuitamente e senza dover compilare alcun form, senza pagare e senza iscriversi a nulla.

L’ho fatto, come tante altre cose, per il puro piacere di scrivere, proprio come ora sto facendo.

E poi…. parliamoci chiaro… ma se volessi conquistare una ragazza.. lo vado a fare su Facebook? Ma chi è talmente scema da farsi ancora abbindolare dopo tutta l’informazione che è stata fatta mettendo in guardia ragazze grandi e piccole, ma anche donne adulte, come purtroppo bambine… Non starò qui ad elencare tutti i pericoli che possono correre i vostri figli sull’argomento Facebook perchè li conoscete già, ma essendo un padre, mi sento perlomeno in dovere di avvisare.

Tornando a noi, al mondo degli adulti, ogni giorno centinaia di persone, sempre nuove, insistono nel cercare stratagemmi per broccolare ragazze su Facebook. E cosa ti trovano? Frustrati deliranti che hanno scritto/tradotto ebook con il MEGA SEGRETO della minchia.

Ma dai… ancora… si è così il mondo dell’ info-prodotto. Crei una roba del tutto inutile per soddisfare l’esigenza immediata del tizio che cerca proprio quello e gli butti nella mail 4 pagine di pdf con dentro qualche dritta… Il tutto per poi provare a vendergli un intero manuale, al costo medio di 28/36 euro ( questi sono i prezzi di mercato per imparare tutte le tecniche segrete per conquistare ragazze su Facebook )

La cosa pazzesca è che mi immagino a volte chi potrebbe esserci dall’altra parte e immagino di tutto. Uomini adulti, anziani, ragazzi giovani, stranieri, italiani e chi più ne ha più ne metta.

L’unica cosa su cui vi invito a ragionare alla fine del mio discroso, è che il web è una macchina complessa, più di quanto immaginiate. In ogni dove, c’è qualcuno pronto a immolarsi per risolvere tutte le vostre necessità. TUTTE.

Gratis, a pagamento, in cambio di qualcosa, ma c’è.

Immaginate ora quante domande vi vengono fatte ogni giorno alle quali sapreste rispondere o lo fate già per motivi professionali:

  1. Come cambiare una gomma
  2. Come arredare il bagno
  3. Come sostituire una lampadina

Strano? Eppure ci sono marketer volenterosi che ogni giorno entrano in una di queste nicchie, dove la competizione nei motori di ricerca li attende ed è altissima. Molti di loro sono miei clienti, fornitori, amici o semplici conoscenti.

Tutto questo per sdrammatizzare un po’ la parte precedente del discorso, dove qualcuno novello avrà pensato che dietro a un sito che risponde alla domanda del titolo, ci sia un pervertito 🙂

Assolutamente no, anzi ed è meglio così, ci sono spesso professionisti affermati, che sanno cosa stanno offrendo e come. Sono esperti di scrittura persuasiva, di internet marketing e studiano ogni giorno a proprie spese e fanno formazione personale.

Insomma, tutta quella parte d’Italia che non vedete, perchè in TV ci va solo l’operaio che è stato licenziato e che picchetta, ma non quello che invece di perdere tempo in inutili contestazioni, o farsi prendere dall’ansia e la depressione sta leggendo questo post con la voglia di farsi venire un’idea. Oppure lo sta leggendo perchè scruta i suoi competitor, perchè l’IDEA gli è già venuta ed è già li, che ha ripreso in mano la sua esistenza, creandosi un’opportunità che già oggi, ma soprattutto domani, gli serve per portare a casa uno stipendio dignitoso, senza dover chiedere un favore in cambio di uno straccio di voto, ai nostri politici.

Complimenti, perchè se sei arrivato fin qui stai per entrare in un mondo fantastico.

Buona Fortuna e se hai bisogno di consigli, commenta pure qui sotto, troverai tante persone che ti sapranno dare la loro esperienza in cambio di un semplice grazie 😉

Il vostro Emanuele Tolomei


AGGIORNAMENTO:

Mi scuso ma questa mi era sfuggita. Per i più timidi e intenzionati a rimanere addirittura anonimi, c’è da qualche mese Woofun

woofun
woofun

Andando nel sito e loggandovi con Facebook potrete provarlo immediatamente

Divertitevi 🙂


Di seguito un video con delle frasi per conquistare una ragazza. Anche se in termini più generici, è un buon punto di partenza per poi portare alcune tecniche anche all’interno di Facebook:

conquistare una ragazza, facebook, woofun

Guadagnare soldi

Guadagnare è semplice se sai come fare

Il tema di questa notte è guadagnare. Si dico di questa notte perchè i pochissimi che mi leggono ( 3 o 4 ) si saranno ormai accorti che ultimamente sono ispirato dalla notte e da quest’ora più precisamente.

Le mie ispirazioni non nascono da un intento ben preciso, ma semplicemente dal mio analytics, che ogni giorno, trai miei e quelli dei miei clienti, sforna milioni di parole chiave, un po’ nuove e un po’ più ossidate, come questa.

Ma cosa vuol dire Guadagnare?

Non mi piace fare i glossari o linkare wikipedia, per cui userò parole che nascono dalla mia esperienza.

Guadagnare è una parola che chissà perchè impariamo da molto piccoli. E’ uno di quei termini che scarti per non far piangere la mamma prima di averla chiamata la prima volta che apri bocca, ma probabilmente nel bagaglio del tuo cervello c’è già.

Si perchè lo senti spesso citare nelle discussioni che avvengono intorno a te, dai tuoi stessi genitori amici e parenti. Lo associ già a tasse, spese, debiti, banche e tanti altri termini diffusi non solo di questi tempi, ma da sempre.

La cosa di cui sono certo è che il sinonimo più calzante di questa parola è SOLDI!

Perchè si deve guadagnare?

Purtroppo, anche se molti di noi spesso fanno quelli controtendenza, che non hanno bisogno di soldi per vivere, che gli basta poco, mi dispiace doverlo dire, ma sparano solo cazzate.

Infatti nonostante i detrattori della moneta, la nostra società continua ad essere controllata da chi ne ha di più.

Luca Carboni in “Caro Gesù” dice : “I soldi lo so che non danno la felicità, immagina però, come può stare chi non li ha….”

Poche parole, che sintetizzano il perchè, durante l’arco della nostra vita, arriva prima o poi il pallino del Guadagnare.

Il guadagno in termini pratici:

Il guadagno è semplicemente un estratto di una operazione matematica che dice : RICAVI – SPESE = GUADAGNO.

Bèh… inizierei con lo sviscerare questa piccola sottrazione.

Il ricavo è l’ammontare lordo di un entrata. Nei RICAVI ci sono molti soldi, che però nascondono una serie di insidie da scorporare.

Infatti arrivano poi le SPESE, che non sono sempre prevedibili, perchè spesso, e per questo molte aziende di oggi falliscono, queste superano il valore dei RICAVI.

Questa operazione matematica ovviamente non ammette errori. Produrre un risultato negativo in una transazione, significa in poco tempo la fine di un sogno.

Ma allora come posso fare a guadagnare senza incappare in questo errore?

E’ semplice, devi solo..

  1. Intanto imparare le basi dell’economia ( come l’operazione di prima )
  2. Conoscere il tuo contesto storico e cosa lo precede ( Studiare la storia )
  3. Crearti del Know-How ( Fare Formazione e studiare il mondo del lavoro )
  4. Essere creativo ( Sognare, immaginare, cogliere IDEE nelle cose semplici )
  5. Ascoltare molto le tue esigenze e quelle altrui ( Scopri se a te o a qualcun altro serve qualcosa che non c’è o è difficilmente reperibile e non parlo solo di beni materiali )
  6. Avere dei miti ( Impara da chi ha avuto successo e scoprirai che hanno inventato business semplicissimi )
  7. Circondati di persone valide ( Che non significa che debbano per forza pensarla come te, anzi.. )
  8. Predisponi il tuo corpo e il tuo cervello ad affrontare di tutto, anche le cose più impensate ( Non vuol dire che nel frattempo devi restare single a vita, non farti una famiglia e andare a puttane, anzi persone con una famiglia solida e leale hanno più facilità ad ottenere il successo )
  9. Libera le tue necessità ( Se quello che stai per decidere di fare, o già fai, non è al tempo stesso il tuo lavoro, la tua passione, ma soprattutto una necessità, allora stai sbagliando )
  10. Preparati a non avere più scuse, la colpa del tuo insuccesso sarà sempre e solo tua ( Se ad esempio scegli persone sbagliate, che commettono errori, allora il COGLIONE sei tu )
  11. Svegliati ogni giorno con un obbiettivo, piccolo, ma piccolo, ma piccolo… MA RAGGIUNGILO prima che la giornata sia finita ( Le scale si inizia a farle prima a carponi, poi 5 alla volta )

Elencata questa lista del tutto improvvisata e sicuramente incompleta, arrivo al dunque.

  • GUADAGNARE NON E’ UN’ARTE
  • GUADAGNARE NON E’ PER UN ELITE DI ILLUMINATI
  • GUADAGNARE NON E’ UN SEGRETO PER CUI SI PAGA IL FATTO DI CONOSCERLO
  • GUADAGNARE NON E’ TANTE COSE..

Facciamo prima a dire che invece è solo un risultato, ma non dell’operazione a capo di questa mia piccola disquisizione sull’argomento.

Ma è il frutto dell’armonia tra te e il mondo.

Quando avrai scelto che la persona più importante al mondo sei tu, allora tutto il resto arriverà. I soldi arrivano quando non ne hai bisogno, un po’ come le donne, che arrivano quando non le vuoi.

Immagina ora di poter avere tanti soldi nelle mani. Avresti risolto il tuo problema? NO

Il tuo problema è capire come puoi fare per guadagnarteli. SI perchè sei una persona con un sacco di energie e piena di IDEE, DI SOGNI, DI IMMAGINAZIONE.

Allora, pensa a come fare, e fallo. BASTA. Non andare in giro per la rete a cercare un altro coglione come te, che pensa di venderti qualche ricetta da miserabile, creando ricchezza sulla tua ignoranza. Domani saresti come lui. E se fossi così non avresti letto tutto d’un fiato questa pagina.

Tuo, Emanuele Tolomei

guadagnare

Guardo al futuro

La mia prima DEM? L’ho inviata nel ’97 :)

Appena di ritorno dal servizio militare, avevo già le idee molto chiare su cosa fare.

Arrivo in lavanderia e dico a mio padre : “Voglio mandare una lettera a tutti i parrucchieri della città e dintorni”

E mio padre: “Cosa? Vuoi diventare un parrucchiere? Ma non avevi sempre desiderato fare il cuoco e mi rinfacci da sempre che non ti ho mandato all’alberghiero a 14 anni e che ora ti ho convinto a fare il mio mestiere, il lavandaio?”

E io: “Ma che hai capito….”

E inizio a spiegargli la mia idea, perchè quella c’era e anzi, non era proprio un’idea mia, perchè altri in quel momento facevano già lo stesso lavoro, ma io ero certo di poterlo fare meglio.

Non vi nascondo che non ho trovato alcuna difficoltà a farmi capire da mio padre, che invece, solo dopo 20 secondi di introduzione era già alla fine e aveva perfettamente già compreso tutto. Non solo, aveva anche fatto un calcolo collaterale di supporto che ovviamente conteneva tutto il piano spese per l’investimento necessario nell’eventualità avesse funzionato la mia proposta.

Ma in cosa consisteva?  Oggi spiegarlo è semplice, ma allora non era proprio così, anche perchè io ero molto dubbioso sulle mie effettive capacità e inoltre, essendo la nostra una piccola lavanderia artigianale, non era semplice pensare agli sviluppi di una scelta simile.

In pratica stavo per integrare all’interno della nostra attività tradizionale, qualcosa che ci avrebbe ben presto portato a diventare una lavanderia industriale con 13 dipendenti e un capannone di 600 mq da gestire.

Il nuovo servizio consisteva nell’offrire biancheria a noleggio per un determinato target: quello dei parrucchieri.

Molti di voi che oggi sono miei amici su facebook, allora miei clienti, si ricorderanno più o meno quella lettera.. o almeno spero.

Mi recai da un amico che aveva una agenzia di comunicazione, che aveva un grafico straordinario, molto bravo nel disegno ( per i Ternani è quello che ha fatto Hulk e L’Uomo Ragno ) e gli chiesi di realizzarmi il logo. Mentre ci accordavamo sul prezzo, allora 400.000 lire, un enormità anche con lo sconto, il grafico aveva già fatto la bozza a mano, a matita, con tutte le ombre e le proporzioni perfette. Sembrava mi avesse letto nella mente. Era quello che desideravo: Un Draghetto ( Il Drago è il simbolo di Terni ), con in una mano una spazzola e nell’altra un ferro da stiro, che poi fu sfumato di Rosso e Verde, che sono i colori della Ternana.

FANTASTICO!

Con quello, il mio amico potè realizzare nel giro di pochi giorni tutta la grafica coordinata: Biglietti da visita, Carta intestata sia per il cartaceo che digitale, Buste, e una Brochurina con i vari prezzi e servizi su una singola pagina, ma molto carina.

Il mio budget non era moltissimo, credo avessi destinato allora circa un milione di lire alla realizzazione di tutto invio compreso, ma riuscii a starci dentro 🙂

Mentre aspettavo la merce che mi serviva per spedire ai potenziali clienti, ho dedicato qualche giorno a impostare una lettera che fosse di effetto, con molti complimenti e soprattutto con la giusta attenzione perchè doveva essere una per tutti, quindi sarebbe arrivata a persone con teste diverse, attività di dimensioni diverse, di luoghi diversi e con esigenze, storici e presenti diversi.. quante cose… ma le avevo previste tutte.

Poi ho fatto leggere la cosa a persone di ogni tipo, forse anche a mia nonna che allora era ancora viva e in forze 🙂 Ero troppo gasato.

Non posso dirlo con certezza, ma credo impiegai una settimana ad impostare il tutto.

Non appena fui pronto, mi recai alle poste, inviai la “mega mail di massa” ( credo circa centinaio di buste ) e aspettai…

Passarono 2/3 giorni e poi… Iniziarono ad arrivare le chiamate.. Pensate, su 100 aziende a cui mandai la mail, circa 30 mi chiesero un incontro per trattare sulle condizioni. E con almeno 25 di queste chiusi dei contratti annuali per il noleggio di biancheria per i loro saloni.

Ero fuori di me.. non mi aspettavo di poter innescare qualcosa che avrebbe cambiato i miei prossimi 8 anni..

Per quanto riguarda il ritorno dell’investimento, allora chiudere quei contratti mi garantì di rientrare della spesa e inoltre acquistare la merce per svolgere i servizi. Nel noleggio il rientro è a medio termine, quindi considerate che i primi veri soldi iniziai a vederli almeno dopo 6 mesi, perchè poi ci sono i prodotti, le lavorazioni, il costo del personale, le consegne e tante altre spese che li per li non avevo calcolato.. Ma era un inizio strepitoso.. Fu il mio piccolo successo, un momento che ricorderò per sempre e che potrei raccontarvi in modo più dettagliato, ma non mi va di annoiarvi..

Fu un passo che segnò il mio accesso nel mondo del lavoro con tutte le scarpe. Non si trattava più di fare quello che fino a quel momento mi aveva insegnato mio padre, ma di imparare a conoscere un qualcosa che comportava sempre lavare della biancheria, ma non finiva li.

Infatti imparai poi a vendere il servizio anche direttamente, recandomi di persona presso i saloni, anche su segnalazione dei miei stessi clienti, proprio perchè erano estremamente sooddisfatti del mio operato..

Quando penso a questo, penso anche ai tempi di oggi, ai budget di oggi, al mondo del lavoro, come si è trasformato, soprattutto nelle sue dinamiche e velocità.

Ma se c’è un qualcosa che li accomuna è sempre che in giro, soprattutto nella rete, ci sono tanti ragazzi che hanno delle idee straordinarie e che troppo spesso non sanno da dove cominciare.

Io vi ho raccontato questa esperienza perchè vorrei che non vi fermaste a pensare a qualcosa. Ci dovete credere. Fatevi in quattro per provare quella mia stessa sensazione.

Se è una necessità che avete, non potrete fallire.

La foto che ho scelto non è di uno che ha nostalgia, ma di uno che guarda al futuro augurandosi di emozionarsi sempre come quella prima volta

Vi saluto con una domandona: “Oggi ci sono le DEM digitali, ma se aveste una attività artigianale, come io l’avevo allora, provereste a fare un invio di lettere come l’ho fatto io nel 97? Se lo avete fatto quale è stato il vostro ritorno? Insomma, è cambiato davvero tutto o qualcosa vale ancora?”

Buona Notte Stellissimi!

DEM

SketchBook: può un computer essere creativo?

Concept

Fino ad oggi i computers sono stati utilizzati dall’uomo come strumenti per creare arte. L’arte generata dall’uomo attraverso i computers, definita “Arte Digitale”, comprende la volontà dell’uomo. Il progetto artistico Sketchbook, parte di un discorso più ampio portato avanti dall’autore, è volto ad esplorare le capacità creative autonome della macchina, riducendo al minimo la volontà dell’uomo e lasciando spazio alla macchina di creare arte secondo i metodi che le sono propri.
Tutte le scelte di composizione delle opere sono realizzate dalla macchina, che trae ispi razione dal mondo virtuale per generare opere “casuali” in un’ottica di “riciclo digitale”. La macchina, attraverso un atto artistico, dà nuova dignità ad immagini prese dal web e destinate a perdersi nel flusso di dati costante ed enorme che corre su internet se non fossero state selezionate (casualmente) dal programma ed elevate al ruolo di testimoni di un tempo in continuo divenire.

Il progetto Sketchbook punta alla realizzazione di un’arte che sia realmente digitale, frutto del non-pensiero della macchina, che risponde solo al caso e non a sensazioni, emozioni e volontà comunicative. Un’arte che porta alle estreme conseguenze le teorie di “automatismo” e di “arte impersonale” proposte dalle avanguardie.

Il progetto Sketchbook – appena uscito dalla fase beta – può essere visualizzato all’indirizzo http://sketchbook.altervista.org/

Cos’è Sketchbook

Sketchbook è un computer che crea arte, ed attraverso questa racconta la società attuale tramite il media che più la caratterizza: internet. Dal mondo di internet e dei Social Networks Sketchbook trae l’ispirazione per le proprie opere, documentando una realtà in continuo cambiamento. dai volti degli iscritti ai vari Social Networks, alle notizie, alle immagini tratte dalle webcam di sorveglianza, tutto viene “riciclato” e trasformato dall’atto artistico che dà nuova dignità ad immagini altrimente destinate ad essere dimenticate, perse nel flusso di dati della rete. Un processo completamente automatizzato, che segue solo le logiche della macchina.

L’Autore

Sketchbook è un opera del web artist Maurizio Fusillo, giovane creativo dell’Accademia di Belle Arti di Foggia. Da tempo l’autore porta avanti un percorso artistico volto ad esplorare le potenzialità creative della macchina.
Tra i suoi progetti più importanti si ritrova SomeVariousQatsi ) che ha ottenuto recensioni sulla RAI (CoolTour, su RAI5), su Artribune e su numerosi quotidiani.

Materiale Informativo

Potete trovare maggiori informazioni sul progetto, lanciato oggi al pubblico, sul sito

http://sketchbook.altervista.org/

Altre informazioni sui progetti portati avanti dall’autore sullo stesso tema possono essere reperite su:

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’autore all’indirizzo zapthing.project@gmail.com

Google Glass: innovazione a 360 gradi

Il Project Glass è il progetto, fino a pochi mesi fa segreto, di Google che ha permesso di sviluppare un paio di occhiali che integrano diverse funzionalità paragonabili a uno smartphone.

Il prodotto commerciale del Project Glass si chiama Google Glass. I Google Glass rappresentano una vera svolta tecnologica che condizionerà il mondo.

Caratteristiche

Tra le caratteristiche tecniche principali dei Google Glass troviamo:

  • – Schermo LCOS propiettato nella zona nord-est del campo visivo che “sembra” si trovi a un distanza immaginaria di circa 1 metro e mezzo
  • – Memoria interna da 16GB
  • – Audio a trasmissione ossea (chi non ho porta i Glass non sente nulla, è utile anche per la privacy)
  • – Fotocamera da 5 megapixel che registra a 720p
  • – Durata della batteria di 24 ore per uso quotidiano, fino a poche ore in caso di “stress”
  • – Connettività Wifi e Bluetooth

Data di uscita

Molti rumors ipotizzano la data di uscita dei Google Glass intorno a fine anno.

In concomitanza con l’uscita di altri prodotti tecnologici iper-attesi (xbox one, playstation 4, ecc) Google potrebbe lanciare i Glass per Natale, così da incrementare drasticamente le vendite, sopratutto nei primi giorni di uscita (nei quali il prezzo è sempre maggiorato).

Prezzo

Il prezzo dei Google Glass rimane ancora un mistero. L’Explorer Edition (la versione venduta a ingegneri e sviluppatori di mezzo mondo) è stata venduta al prezzo di 1500$ per ogni Google Glass.

La versione customer, molto probabilmente, costerà decisamente meno. Delle recenti prove hanno dimostrato che i Google Glass sono dotati di un hardware del costo pari a 200$ circa.

Video

Per scoprire cosa si prova a indossare i Google Glass guarda il video promo ufficiale:

Vuoi vedere altri video dei Google Glass? Magari vuoi vedere come si vede effettivamente lo schermo? Vai alla sezione dedicata ai video dei Google Glass.

Per rimanere aggiornato riguardo le ultime notizie visita Google-Glass.it

ITANIMULLI: ecco perchè compare il sito della Nsa

Nonostante io sia un grande sostenitore di Adam Kadmon, ho il bisogno professionale di spiegare il verificarsi di questo fenomeno da lui spiegato riguardo ai risultati di ricerca offerti dai motori di ricerca relativamente alla parola ITANIMULLI

Intanto Itanimulli, è semplicemente Illuminati al contrario, ma per quanto riguarda il fatto che cercando il termine in qualsiasi motore di ricerca, esca il sito della Nsa ( The National Security Agency ), mi sento di dare una piccola quanto necessaria spiegazione per chi non sa come possa accadere.

Già tempo fa abbiamo assistito a un fenomeno identico legato alla chiave di ricerca “clicca qui”, che vedeva sempre primo il sito di adobe, che consente il download di flash, attualmente decaduto al terzo posto per la chiave in questione superato semplicemente da siti a dominio con chiave esatta ( EMD: EXACT MATCH DOMAIN )

Come è possibile che avvengano fenomeni simili?

Molto semplice

In pratica Google soprattutto, ma un po’ tutti i motori di ricerca, hanno degli algoritmi basati su diversi fattori di ranking. Google ad esempio ne contiene almeno 200 diversi.

Uno di questi fattori è l’anchor text link, che consente a “chiunque” di collegare a un testo fisso un link di destinazione. Questo link di destinazione, acquisisce semanticamente per il motore di ricerca un valore assegnato dal testo che è contenuto nel link di provenienza.

Questa tecnica, basata sulla conoscenza dell’algoritmo, si usa anche in tutti gli altri settori per tentare di manipolare le SERP ( SEARCH ENGINE RESULTS PAGES ), ovvero le pagine dei risultati dei motori di ricerca, in modo da accaparrarsi le prime posizioni in importanti settori di business e merceologici, nonchè ludici, come in questo caso.

Anni fa, anche il Vaticano fu vittima di un attacco SEO ( SEARCH ENGINE OPTIMIZER ) in questo senso, tanto che cercando la parola pedofilia, usciva al primo posto il sito del vaticano.

Tali fenomeni, in chiavi poco competitive come questa, possono verificarsi anche nel momento in cui io sto scrivendo questo articolo, e spesso il risultato è pressochè immediato.

E’ ovvio che lo stesso risultato è impensabile da raggiungere per chiavi che invece competitive lo sono eccome, come ad esempio i nomi di persona, i nomi di importanti brand, o anche chiavi commerciali come “Hotel New York”.

Aggiungo che nel caso specifico, la cosa è stata comunque agevolata da un redirect 301 secco da itanimulli.com, come evidenziato dal tool majesticseo nell’immagine  a seguire:

Majestic seo report itanimulli.com redirect

Detto questo, mi scuso con Adam per l’intrusione e mi rendo disponibile a qualsiasi ulteriore spiegazione in tal senso.

La mia purtroppo non è una fiaba, ma la morale c’è anche qui. Un abbraccio ad Adam.

ITANIMULLI

Messaggi ai vip su Facebook

Facebook compravende la privacy e fa lead generation pura

La lead generation è un sistema con il quale attraverso delle rigide norme sulla privacy, vengono acquisiti dei contatti profilati per poi offrirli ad aziende che possono soddisfare i desideri del richiedente

=

Facebook acquisisce informazioni da te utente, in questo caso Vip o comunque personaggio in rilievo, per poi far pagare chi vuole mettersi in contatto con te.

Non ci voglio pensare, ma temo che in Italia un servizio del genere, se lo facesse un’azienda normale, durerebbe 3 secondi dopodichè arriverebbe il sigillo della finanza, titolare in galera e via la chiave.

Ma qui si parla di Facebook e gli interessi relativi a questa “opportunità” per gli utenti non sono esattamente tangibili dagli stessi, che in realtà sperano semplicemente, come detto dai vertici del social network, di avere l’occasione per poter scrivere al loro Vip preferito. Sembra infatti che il sistema garantisca che il messaggio arriverà nella casella di posta in arrivo del proprietario del profilo;; aumentando quindi la possibilità che il suo messaggio venga letto.

  • Possibili ripercussioni?
  • I vip sostituiranno immediatamente il loro indirizzo di posta con un noreply@minchiata.fb
  • I vip che non lo faranno, saranno costretti ad assumere una persona per controllare tutto lo spam che gli arriverà
  • Gli utenti potrebbero pagare per un servizio al quale se qualcuno risponderà, sarà lo stesso incaricato di cui sopra
  • Il Vip potrebbe anche impostare un’autoresponder automatico per tutti i messaggi in arrivo da smtp di Facebook

Potrei andare avanti per molto, ma credo sia sufficiente per lasciare alla fantasia numerosi altri scenari che potrebbero verificarsi.

Vi invito a citarne qualcuno come commento al presente articolo.

Inoltre parliamo di un servizio che in alcuni casi sarà costoso, fino addirittura a 15 euro. Conoscendo il livello medio dell’utente Facebook, per alcuni diventerà una “rota” soprattutto se dal’altra parte riceveranno una o più risposte, che esse siano vere o false. Per cui potrebbe nascere una nuova dipendenza alla quale presto Facebook dovrebbe mettere fine.

Vedo già gente, soprattutto teenager che si indebiteranno o chissà cosa. Chiederanno come regalo di compleanno una ricarica da 150 euro per poter mandare 10 messaggi al proprio cantante preferito, o che ne so, a un improbabile attore.

Forse sono solo un delirante che non merita la vostra attenzione e mi auguro di sbagliare, mettendo al fuoco tutte queste assurdità e allarmismi. Beh ne riparleremo presto quando il servizio arriverà in Italia e farà sembrare le slot dove oggi ancora molte famiglie hanno buttato le proprie vite, l’ennesimo meccanismo che porterà le persone deboli a suicidarsi in preda a questo nuovo fenomeno.

Buon lavoro psicologi, se arriva questa da fare ne avrete; preparatevi bene!

facebook, messaggi a pagamento, messaggi a vip

Batteria scarica? Ad avvisare gli amici ci pensa Last Message

Last Message è una nuova App per dispositivi Android che permette di evitare figuracce o imprevisti inattesi.

Quando la batteria del telefono è bassa, Last Message invia un messaggio a uno o più dei nostri amici per avvisarli che il telefono sta per scaricarsi, al fine di evitare “conversazioni in sospeso” o brusche interruzioni che vorremmo evitare.

Una volta installata l’app, è possibile scegliere il livello di carica “trigger”, ossia quella percentuale al di sotto della quale scatta l’avviso automatico di Last Message.

L’app ci permette di scegliere quali contatti avvisare e ci da la possibilità di scrivere il testo predifinito da inviare.

Last Message è scaricabile da questa pagina ufficiale del Google Play.

Il developer dell’applicazione è Fat Brain di Fabio Alerni.

In basso, il video di presentazione dell’app:

Trust

Sfruttare il TRUST per ottenere visibilità

In un web che sempre meno lascia spazio ai nuovi, bisogna correre ai ripari e oggi, visto che molto spesso vengo sollecitato da amici e colleghi a suggerire nuovi strumenti, vi parlo del metodo più vecchio del mondo, ma nello stesso tempo il più efficace.

In tempi di magra, dove anche Milly D’Abbraccio si è messa a fare la Escort per mantenere il suo tenore di vita elevato, un’azienda non può aspettare tempi biblici o promesse forse irraggiungibili da parte di SEO come me.

Per cui vediamo qual’è, perchè di un solo aspetto si tratta, il miglior metodo per arrivare subito dove abbiamo bisogno di essere: la Prima Pagina di Google!

IL TRUST

Da quando il Pagerank è andato in pensione, ormai si parla solo di Trust. Ma dove lo andiamo a prendere il Trust oggi?

E’ un po’ come quando ti presenti in un’azienda con tutti i buoni propositi e affronti il tuo primo colloquio di lavoro e ti dicono che stanno cercando personale con esperienza. E tu dentro di te : “Ma se non comincio mai, come faccio ad acquisire l’esperienza sufficiente per farmi assumere?!” Per questo oggi siamo pieni di volenterosi Freelance che si fanno le ossa investendo sulla propria crescita personale, per poi cercare/trovare impieghi con contratti ad alto valore, oppure rimanere a quel punto Freelance, perchè hanno ormai consolidato un ottimo portafoglio clienti; ma questa è un’altra storia…

Moltissimi contenitori hanno fatto la fortuna di piccoli imprenditori, come ad esempio Ebay ed Amazon, che hanno permesso a qualunque possessore di partita iva, di iniziare a vendere i propri prodotti, spinto da un contenitore ad elevatissimo trust, sgominando la concorrenza di qualunque altro e-commerce esistente fino a quel momento. Lo step successivo è poi quello di creare il sito di e-commerce per spostare l’utenza fidelizzata e magari anche risparmiare qualcosa sulle commissioni dovute ai contenitori di cui sopra. Ma è anche vero che molti siti hanno anche fatto il passo inverso, vedi pixmania su tutti!

Ma per il blogger? Il blogger ha trovato lo stesso rifugio in contenitori come wordpress.com, blogspot, tumblr e chi più ne ha più ne metta!

Per gli artisti? Deviantart

Turismo? Booking.com, Tripadvisor……

Potrei continuare per secoli… Ma veniamo a noi. Alle Pmi. Dove diavolo vanno oggi a cercare quella visibilità? Pagine Gialle?, Bianche, Verdi, Blu? Non so.. SI!!

Avete mai sentito i vostri clienti parlare di paginegialle.it? Io ogni giorno, e i feedback sono tutti uguali. Nessuno ha la sensazione che essere presente su Pagine Gialle o similari gli abbia mai portato valore. Risultato? http://www.panorama.it/economia/aziende/seat-pagine-gialle-storia-fallimento/ Era inevitabile! Soldi spesi inutilmente per cosa? A questo punto non lo so nemmeno io; e devono spiegarmi a che cosa è servito dire : http://www.datamanager.it/news/oltre-4-milioni-di-download-le-app-mobile-di-seat-pg-italia-44530.html

Ma daiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!

Le aziende chiudono! E quelle che resistono non devono certo a nessuno il loro successo, se non alla passione, dedizione, sacrificio e voglia di fare. Il resto è niente.

Trust? Dove eravamo rimasti?

Scusate la piccola digressione, ma era inevitabile.

Faccio un esempio su tutti: “Tailorsan” , uno dei nostri nuovi clienti.

Strategia? 2 minuti per farla. Il sito è già ben posizionato a livello nazionale, essendo una delle aziende più importanti di produzione di Bagni Chimici. Loro principale competitor è Sebach. Obbiettivo? Posizionarsi nelle varie città dove hanno dei rivenditori, non ancora visibili ( al momento della trattazione della strategia ).

COSA GLI AVEVANO PROPOSTO GLI ALTRI?

E’ ovvio che prima di investire diversi migliaia di euro nel web, un’azienda di questo calibro ascolta molte società di web marketing/SEO, ma tutte gli avevano suggerito di prendere domini con chiavi esatte tipo “bagnichimicimilano” “bagni-chimici-milano” “bagnichimici-milano” e così via.. SIAMO ALLA FRUTTA? SI! E’ inutile che faccio ora uno svarione sul come vendere i propri servizi, ma vi lascio ragionare su aspetti relativi al personal brand.

Cosa c’è di meglio di poter utilizzare un dominio che semanticamente ha un piglio eccellente per quella chiave tanto desiderata? Nulla! Per cui 1+1 si sono creati terzi livelli di cui vi invito a valutare direttamente in SERP il risultato, ottenuto praticamente per tutte le chiavi principali e correlate, esempio : prezzo, preventivo, noleggio etc.. nel giro di 1/2 ore

Questo è quello che vogliono le aziende, non una serie illimitata di consigli sul cosa non fare per non incorrere in penalizzazioni.

Basta con le cazzate e non bestemmio, ma vi ricordo che Germano Mosconi è il mio padre spirituale…

Io devo fatturare, uscire di qui e dare motivazioni ai miei affiliati/rivenditori!

E’ questo di cui ha bisogno un Manager di una azienda Italiana che riesce a sostenere le famiglie dei propri operai garantendo lavoro in questo periodo di crisi.

OK MA IO NON HO UN SITO!

DA DOVE PARTO?

DA DOVE PARTI? Lo sai mio caro imprenditore, quanti siti ad altissimo trust ci sono oggi, che possono offrirti quello che Tailorsan ha saputo costruirsi in qualche anno di presenza sul web? In realtà non molti, ma ce ne sono. Non voglio nemmeno essere autoreferenziale, ma oltre ad espertoseo.com ce ne sono tanti nel web, che magari sono anche tematici col tuo lavoro. Per chi parlo? Per chi deve partire, oggi! Per chi non può aspettare che la crisi lo affossi ancora, o magari che gli venga approvato un finanziamento a fondo perduto a fronte di chissà quale compromesso!

Se non hai idea di dove poter cogliere questa opportunità, chiedi al tuo consulente SEO, saprà indicarti la migliore soluzione, oppure fatti un giro nel nostro network di siti verticali, gestiti da tutti esperti di settore, che sapranno far sbocciare i tuoi desideri nel giro di poche settimane.

Il web è adesso!

 

Il web è adesso!, milly d'abbraccio, trust, visibilità

Cookie Policy - Privacy Policy

Esperto SEO Srl - Viale Cesare Battisti, 179, 05100 Terni TR - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 331.640.39.76