• Home
  • Scopriamo i nuovi domini di primo livello generici (gTLD)

Scopriamo i nuovi domini di primo livello generici (gTLD)

Noi SEO, purtroppo, ci soffermiamo spesso su notizie di poco conto e capita spesso di ignorare totalmente quelle che potrebbero cambiarci l’esistenza.

Quest’anno verranno attivati e ufficializzati tantissimi nuovi gTLD che incominceremo a vedere nelle SERP e che, probabilmente, useremo in prima persona.

I gTLD (generic top level domain) sono i domini generici di primo livello. A differenza dei classici TLD (come il .it), i gTLD non sono automaticamente correlati a una nazione. Alcuni gTLD famosi sono .com, .info, .org e .net.

Gli attuali 23 gTLD validi nel mondo sono listati in questa pagina.

La ICANN è la Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, che gestisce e regolamenta il processo di richiesta e approvazione per i nuovi gTLD.

Le iscrizioni, per poter “acquistare” un proprio dominio di primo livello sono aperte da alcuni mesi e hanno già generato 1900 iscrizioni.

I nuovi gTLD sono ultra semantici

La lista dei nuovi gTLD proposti è presente in questa pagina del sito ufficiale.

Emergono numerosi TLD veramente interessanti, ad esempio:

  • .art
  • .live
  • .game
  • .news
  • .movie
  • .food
  • .blog
  • .auto
  • .baby
  • .online
  • .shop
  • .style
  • .buy
  • e così via

Per poter acquistare un proprio dominio (letteralmente acquistarne la proprietà) è necessaria una cosa sola: cash! Comprarsi un gTLD costa 185.000$ solo per l’iscrizione all’ICANN, più le varie spese accessorie che fanno salire il prezzo sopra i 200.000 dollari.

Il mio sogno di comprare i .seo svanisce 😀 (è ancora libero, se qualcuno ha tutti quei soldi da spendere!)

I big hanno già mosso le pedine

ICANN è un’organizzazione trasparente: per questo ha pubblicato nero su bianco tutte le richieste inviate per l’acquisizione di un gTLD con il nome della società richiedente, ancor prima di procedere con il vaglio dei tecnici e dei giuristi.

Visto che ho questa bella mole di informazioni, mi sono detto, perché non spulciamo un pò i cavoli degli altri?

Vediamo, azienda per azienda, quale dominio di primo livello hanno intenzione di comprarsi (a voi le considerazioni sull’utilizzo che ne faranno 😀)

Precisazione: le società hanno fatto richiesta per una “Application” che poi dovrà essere vagliata. Ci sono dei gTLD che sono stati “richiesti” da più società diverse (ad esempio c’è l’application di .cloud di Amazon, Aruba, Symantec e altre 4 società)

Società/Organizzazione gTLD acquistati più rilevanti
Amazon è la società che ha acquistato più domini di tutti .play .buy .joy .coupon .room .fire .cloud .deal .talk .audible .pin .news .smile .kindle .dev .wow .spot .read .song .game .like .you .search .bot .fast .store .box .video .shop .kids .author .mobile .save
Google (quei furboni di Google usano il nome della società intermediaria invece del loro) .ads .chrome .mov .youtube .game .tour .channel .nexus .goog .love .drive .hangout .show .eat .book .app .meme .here .zip .web .lol .plus .dev .play .gmail .android .map .store .google .page .earth .mail .spot .free .search
Il Vaticano è la prima organizzazione al mondo che ha avuto la possibilità di registrare i domini (a voi le considerazioni) .catholic
Apple .apple
Samsung .samsung
L’Oréal .makeup .loreal .salon .lancome .garnier .hair .beauty .skin
Yahoo .yahoo .flickr
Sony .playstation
Fiat .fiat .lancia .alfaromeo .ferrari .iveco .maserati .case (che ci fa!?)
Microsoft .live .xbox .skydrive .hotmail .microsoft .windows  .skype .office .docs .bing
McDonald’s .mcdonalds .mcd
Johnson & Johnson .baby
Booking.com .hotels .booking
GoDaddy .home .casa
Ferrero .kinder .ferrero .rocher
Nike .nike
Visa .visa
Nikon .nikon
Wal-Mart .grocery
Baidu .baidu
Chanel .chanel
Intel .ultrabook .intel
Canon .canon
Honda .honda
Mitsubishi .mitsubishi
Symantec .antivirus
Panasonic .panasonic
Ford .ford
Lego .lego
Seat .seat

La maggiorparte delle richieste per i gTLD è stata fatta da grandi società sconosciute che probabilmente hanno due funzioni: garantiscono l’anonimato alle vere società richiedenti (fungendo da intermediari) e lucrano sui domini comprando quelli più in voga per poi rivenderli (viagra,casino,ecc).

L’evidente progetto di Amazon è sotto gli occhi di tutti: io vi ho elencato i domini più importanti, ma ce ne sono tanti altri (anche in cinese/giapponese).

Non credo che Amazon faccia questo investimento (milionario!) senza un progetto chiaro: stiamo a vedere cosa combinano 🙂

Le altre grandi aziende si sono limitate a acquistare dei gTLD con il brand e qualche piccola variante.


Attenzione: I nuovi gTLD, a detta dell’ICANN, dovrebbero essere operativi per l’estate 2013.

Il risvolto SEO che non piacerà a tutti

Oltre a questa curiosa frenesia di Amazon, c’è un altro aspetto che dobbiamo sicuramente valutare: con l’avvento di numerosi altri gTLD (che Google probabilmente considererà uguali agli altri) aumenterà esponenzialmente la possibilità di trovare Exact Match Domain liberi (hotelmilano.hotel  hotelmilano.blog  hotelmilano.room  hotelmilano.buy  hotelmilano.vacancy ecc).

Se, come molti stanno dicendo, i nuovi gTLD avranno lo stesso “peso” SEO di un classico .net, .org, ecc, ci sarà un’esplosione vertiginosa di EMD nelle SERP.

Qualcuno storcerà il naso e qualcuno farà i salti di gioia: sicuramente non ci annoieremo!

 

Comment

  • Io attenderei ben più dell’estate per poter vedere i reali risvolti lato SEO. Tant’è vero che Google sta testando risultati di ricerca privi di link (che sia un tentativo di dare meno rilevanza ai permalink e agli EMD?)….
    Attendiamo fiduciosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookie Policy - Privacy Policy

Esperto SEO Srl - Viale Cesare Battisti, 179, 05100 Terni TR - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 0744.409703 - Fax: +39 0744.429985