Mese: marzo 2013

RomaDailyNews.it approvato in Google News

La pubblicazione di articoli nell’aggregatore Google News è un’opportunità incredibile per incrementare drasticamente la propria visibilità sul web e, di conseguenza, anche il traffico.

EspertoSEO propone un servizio “hosted” per la pubblicazione di articoli su Google News tramite il nostro network ma, oltre a questo servizio, affianca altri siti nel raggiungere il tanto desiderato accreditamento.

Solo poco tempo fa, abbiamo ricevuto la notizie che RomaDailyNews.it è stato finalmente accettato in Google News e, come si vede dall’immagine in alto, gli articoli sono già stati presi!

Roma Daily News ha dovuto aspettare circa un anno di tempo dalla richiesta: il controllo effettuato sui siti, effettivamente, è particolarmente lento. Questo è dovuto anche a un’enorme quantità di richieste effettuate da siti di scarsa qualità o tecnicamente non corretti.

Per essere approvati su Google News è necessario struttuare il proprio sito in modo particolare: ci sono accorgimenti contenutistici e tecnici complessi che devono essere rispetti, altrimenti c’è il rischio che, dopo tutto il tempo di attesa, di riceve una mail con cui il nostro sito viene respinto.

Majestic SEO è una società famosa per il suo tool principale: il backlink analyzer.

Da pochi giorni Majestic ha lanciato un nuovo tool molto allettante: in risposta all’avanzare di nuovi servizi offerti da HREFS e OpenSiteExplorer, Majestic lancia il suo Web Master Tool.

Nel Blog di Majestic è possibile leggere un articolo completo dedicato a questo nuovo strumento. E’ possibile verificare un numero illimitato di siti, in modo indipendente oppure importando la lista dei siti direttamente da Google Webmaster Tools.

La verifica dei domini può avvere con 3 metodi:

  • Come già detto, attraverso il “collegamento” tra Google e Majestic
  • Caricamento di un file txt proprietario
  • Inserimento del meta tag specifico di Majestic.

Se il lancio del nuovo tool non dovesse bastare, Majestic ha annunciato anche il lancio di due estensioni ufficiali del proprio analizzatore di backlink: uno per Firefox e uno per Chrome.

Tag:

Advanced SEO Tools il 27 marzo a Bologna

Il 27 marzo si terrà a Bologna un evento SEO da non perdere: l’Advanced SEO Tools proposto da Giorgio Taverniti e dagli altri colleghi del Forum GT.

L’evento sarà principalmente focalizzato sull’utilizzo avanzato di vari strumenti SEO molto popolari tra cui Xenu, Screaming Frog, Excel, Google Analytics, Majestic SEO, AHREFS e Mod_pagespeed.

Prima di partecipare, dai uno sguardo ai relatori dell’evento e al programma ufficiale.

Citiamo testualmente i 7 motivi principali per cui è consigliabile partecipare all’evento:

  • 1) Imparerai come risparmiare ore di lavoro attraverso l’utilizzo di alcuni strumenti
  • 2) Aumenterai la qualità del tuo lavoro
  • 3) Riceverai spunti utili e validi da chi utilizza questi strumenti da molto tempo e su progetti di vario tipo
  • 4) Potrai mettere in pratica immediatamente il know how acquisito
  • 5) Gestirai al meglio i tuoi clienti e i tuoi progetti
  • 6) Potrai fare domande direttamente ai relatori durante la giornata o attraverso il GT Master Club nei giorni seguenti
  • 7) Beneficerai dell’esperienza e del know how GT

Tag:

Inserire un sito nei motori di ricerca

Inserire un sito nei motori di ricerca è semplice e rapido, ma NON si tratta di posizionamento o indicizzazione del sito.

La prima cosa che deve fare un webmaster che si sta accingendo a mettere in produzione un sito internet, è quella di configurare il proprio account negli strumenti per i webmaster di Google, aggiungendo l’indirizzo del nuovo sito.

Una volta effettuata questa operazione è solo questione di ore, a volte minuti, perchè passi il famoso googlebot, e vada a iniziare il suo lavoro di inclusione dei  contenuti del sito all’interno delle SERP di Google.

Fino a poco tempo fa, ma forse accade ancora, si trovavano delle pagine di alcuni siti internet, dotate di un elemento grafico che invitava a sottoscrivere un servizio, talvolta a pagamento, per avere un sito inserito nel motore di ricerca.

I motori sono molti, è vero, ma è anche vero che tu che stai leggendo sei quasi sicuramente interessato solo a Google.

Anche Esperto SEO, durante le sue arringhe spiega sempre che il traffico non va mai buttato, nemmeno quel 5/10% che proviene dagli altri motori; anche se il cliente interessato al posizionamento si presta a fare un confronto solo ed esclusivamente su Google.

Approffondisci il nostro sapere e le nostre scoperte tangibili contattandoci!

Tag:

Negli ultimi giorni Google sta rivoluzionando il modo di intendere la search. La prima mossa della società di Mountain View è stata quella di cannibalizzare il settore turistico con il suo Google Hotel Finder (screen di seguito) per la ricerca degli hotel.

Google Hotel Finder

La mossa di ieri, invece, è, se possibile, ancora più rivoluzionaria: la ricerca dei voli attraverso Google Flights Search.

Il web, fino a ieri, era pieno di numerosi portali in grado di comparare in tempo reale le offerte per voli nazionali e internazionali. La differneza tra Google Flights e gli altri comparatori è la rapidità delle ricerche, il minimalismo dell’interfaccia e, neanche a dirlo, il fatto che Google dispone del database di voli più ampio possibile.

Per ogni volo Google restituisce numerose informazioni come gli orari di decollo, gli orari di atterraggio, la compagnia area e il prezzo effettivo (sulla versione .it il prezzo è in euro).

Google Flights è solo l’ultimo dei tanti servizi che Google ha deciso di offrire in prima persona. Questo tipo di servizi, oltretutto, ha fatto scattare vari controlli (l’ultimo è quello della Commissione Europea) per accertare che Google non stia abusando della sua posizione di monopolio.

Dopo il meteo, gli hotel e i voli, molto probabilmente Google continuerà a offrire nuovi servizi direttamente in SERP o tramite proprie piattaforme: che sia un danno o meno per i SEO, sicuramente è un fattore molto positivo per gli utenti.

Tag: ,

Ahrefs lancia il nuovo Mentions Tracker

Sulla scia di MajesticSEO che, a differenza per esempio di OSE, punta molto sul freshness dei propri risultati, anche Ahrefs lancia un nuovo tool molto rapido nell’individuazione dei risultati: il Mentions Tracker.

 Il Mentions Tracker serve individuare link e menzioni rapide (aggiornate ogni ora) del vostro sito nelle news, nei blog, forum, comunità ecc.

 Il tool, attualmente è in versione beta (i dati arrivano anche agli ultimi 3 mesi, ma nella beta mostrano solo le menzioni dell’ultima settimana). Il Mentions Tracker è supportato da numerosi operatori logici che permettono di migliorare i risultati delle ricerche.

Non essendo un vero e proprio strumento per la ricerca di backlinks veloci (come il fresh index di MajesticSEO), questo nuovo tool di hrefs è più utile per le medie-grandi aziende che devono preoccuparsi della brand reputation e, appunto, delle menzioni riguardo il proprio brand/sito.

Notifica di link innaturali per la BBC

E’ passata quasi inosservata questa discussione aperta 4 giorni fa sul forum di supporto di Google, da parte un responsabile del sito inglese  BBC.co.uk

La richiesta inizia così:

I am a representative of the BBC site and on Saturday we got a ‘notice of detected unnatural links’.

Given the BBC site is so huge, with so many independently run sub sections, with literally thousands or agents and authors, can you give us a little clue as to where we might look for these ‘unnatural links’.

( per chi non capisse al volo l’imponenza di questo sito, vi basterà scoprire che BBC.co.uk è PageRank 9 proprio come Facebook o Google.com)

Secondo quanto attestato dalla discussione (ripresa su vari blog SEO, ad esempio SERoundTable) il portale inglese della BBC sarebbe stato notificato con la classica mail da parte di Webmaster Tools per link innaturali.

Nella discussione emerge che l’avviso per link innaturali sarebbe stato inviato sia per la versione bbc.co.uk che per www.bbc.co.uk anche se la non-www redirect sul www.

Benché nella discussione sia emerso che, effettivamente, la BBC non ha bisogno di “servizi di link building” perché ottiene già di suo il 99% di link naturali, pare che la situazione non sia così rosea.

Solo i responsabili dell’area marketing/seo sono a conoscenza delle operazioni (black o meno) effettuate sul portale, ma io, da comune mortale, ho notato già a colpo d’occhio un’anomalia molto interessante. Guardate il numero di nuovi domini linkanti verso la homepage (solo la home) degli ultimi 2 mesi:  (=quanti nuovi domini, ogni giorno, hanno messo un link a bbc)

bbc link innaturali

 

Il 22 febbraio il numero di nuovi domini che linkano la homepage, rispetto al 20 febbraio, è passato da circa 16.000 a 97.000: è aumentato di 6 volte nel giro di 2 giorni. E’ come se di punto in bianco le vendite giornaliere del vostro ecommerce subissero un +500% in 2 notti.

La situazione è chiara: o c’è stata negative SEO (una guerra fra grandi testate? :D) oppure qualche dipendente della BBC ha tentato di fare il furbo, spingendosi un bel pò oltre i limiti di sicurezza..

Vedremo come andrà avanti la cosa, dato che, anche volendo, fare un disavow su quel sito è praticamente impossibile. Per eliminare circa 20.000 link spam da un nostro cliente abbiamo dovuto fare un disavow da 1900 domini, impiegando circa 4 ore solo nella ricerca dei vari siti da escludere (stando rigorosamente attenti a non “bloccare” link buoni).

In questo caso parliamo di ben oltre 10 milioni di backlink

PS. 14:26 del 15 marzo 2013Gerry White (analista SEO di BBC) scrive:

I have access to WMT and had a quick look at the links, it would be impossible for the BBC to even consider disavowing anything

Io ho accesso al WMT di BBC e ho dato un’occhiata rapida ai link, sarebbe impossibile per BBC anche solo considerare l’idea di rinnegare qualcosa (con il Disavow Tool)


Ci complimentiamo con il collega Giorgio Taverniti, fondatore del noto portale GT e, in particolare, del Forum GT, che è stato recentemente intevistato dal TG3 grazie alla sua ultima pubblicazione, il libro SEO Power.

Per la rubrica Tech Books del TG3, Giorgio è stato intervistato per parlare di ottimizzazione per i motori di ricerca. E’ un passo incredibilmente importante per il settore della SEO: a memoria d’uomo, non c’è mai stata un canale così “popolare” che abbia trasmesso qualcosa sull’argomento.

Benché si tratti solo di una breve intervista, e non di un vero e proprio speciale, o documentario, l’intervento di Giorgio al TG3 è sicuramente un fattore positivo non solo per la SEO in sé, ma anche per l’intero settore del marketing online, che finalmente si approccia a un pubblico di massa.

Il video dell’intervista:

Tag:

Calendario dei prossimi aggiornamenti di Google

Il Search Marketing Expo 2013 apre i battenti con l’SMX West 2013 che è l’evento tenuto dall’11 al 13 marzo di quest’anno.

Durante uno dei talk principali della giornata, ieri sono intervenute tre personalità leggendarie della SEO:

Danny SullivanCEO di Search Engine Land

Matt CuttsWebspam Team Google

Duane ForresterProduct Manager Bing

Quando la parola è stata data a Matt, l’argomento principale è diventato subito Google, e i suoi aggiornamenti.

Google Penguin

Matt ha annunciato che, a breve, ci sarà un aggiornamento di Penguin molto importante a cui l’intero webspam team sta lavorando da tempo.

L’ultimo aggiornamento di Penguin di cui abbiamo memoria, è Penguin 3 di ottobre 2012. In precedenza, c’era stato Penguin 2 a maggio 2012 e la prima release storica a aprile 2012.

Google Panda

Per quanto riguarda Panda, l’altro diavolo della SEO, Matt ha annunciato che ci sarà un roll di Panda o venerdì 16 marzo o lunedì 18 marzo (ha fornito queste due date perché il team che si occupa degli updates deve ancora scegliere una delle due date, ma sarà sicuramente una delle due). 

L‘ultimo aggiornamento di Panda che ci ricordiamo è il roll 24 del 22 gennaio 2013. Panda, generalmente, è stato sempre lanciato mensilmente con cadenza molto regolare (quasi sempre il 22 del mese).

In molti, io compreso, si aspettavano il nuovo roll per il 22 febbraio 2013 ma non è successo niente: questo fa credere che il prossimo update di Panda possa essere particolarmente incisivo.

Network di link

Dopo che Google ha annunciato di aver penalizzato i link provenienti dal network SAPE, durante l’SMX Matt Cutts ha esplicitamente confermato che, nel giro di “una o due settimane“, ci sarà un grande update (forse con un nome a sé?) contro i network di link in generale.

 

All’SMX West, Matt Cutts farà ancora un’altro intervento in cui, probabilmente, dovrà fare più chiarezza su questi ultimi spoiler. Staremo a vedere!

Toccare con mano lo “spam puro” secondo Google

Dopo che Google ha rivelato al mondo il modo in cui la search funziona (anche pubblicando per la prima volta le linee guida ufficiali per i quality raters) molti si saranno accorti che, nella pagina dedicata alla lotta allo spam, Google ha inserito un box aggiornato in tempo reale contenente gli ultimi siti bannati per “spam puro”.

Per osservare direttamente il box live basta andare in questa pagina e scrollare leggermente, per osservare i 48 esempi più recenti di siti bannati.

Troviamo siti di phone number spam, droghe e viagra, prestiti, assicurazioni auto, “Cat In the Hat Spam” (ma che diavolo è!?) e molto altro.

E se volessimo toccare con mano questo spam puro così demoniaco?

Lo sfizio ce lo toglie un’affiliata di Search Engine Land, RustyBrick, che ha inserito in questa pagina una slideshow di tutti i 3781 risultati di “spam puro” mostrati da Google, con tanto di data, URL, Title e eventuale Snippet (description).

 

PS Nella pagina c’è anche un box per vedere se il proprio sito è presente nella lista. Spero che non abbiate bisogno nemmeno di testarlo!

 

PPS Notate questi diavoli dello spam che fanno addirittura delle copie esatte di Amazon su domini EMD: che cattiveria!

Amazon copia spam EMD

PPPS Sfatiamo anche il mito che Google penalizzi pesantemente piuttosto che bannare le pagine fatte con le proprie piattaforme. Qui un sites.google.com e un blogspot.com

google-elimina-se-stesso

Blogspot

Giuro, ultimo PPPPS Il nuovo futuro dello spam non è l’EMD, ma il MEMD e gli ANMD, ossia:

Multi Exact Match Domains (domini che hanno più keyword al loro interno, giusto per non sbagliare!)

Dominio spam pazzo

Absolutely No Match Domains (domini in cui, anche volendo, non è letteralmente possibile nessun exact match)

Dominio pazzo 2

  • 1
  • 2
Esperto SEO Srl - Via Antonio Baiamonti 4, 00195 Roma (RM) - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 0744.409703 - Fax: +39 0744.429985