• Home
  • Blog
  • Varie
  • Social per poco più che bambini, strumenti di istigazione di massa?

Social per poco più che bambini, strumenti di istigazione di massa?

Sono un genitore prima che essere SEO e per chi non lo sa mia figlia ha quasi 13 anni

Stasera, mi stava parlando delle sue amicizie, di coetanee per la precisione, che ormai frequentano assiduamente dei social che non sono Facebook

Inizialmente si è parlato di questi social, quasi come fossero il “rifugio” dei pre-adolescenti, che “impossibilitati”, vuoi per le policy di Facebook, vuoi per paura dei genitori riguardo a Facebook, a frequentare il grande social network, si sono spostati in altri lidi

Anche famose pop star, da tempo hanno lanciato qualcosa per coinvolgere i propri fans, ma niente a che vedere con Facebook, che dopo essersi fatti un giretto per questi social meno blasonati, diventa davvero il posto più sicuro del web, anche per i più piccoli.

La cosa oscena è che ho fatto una prova io stesso, registrandomi in uno a caso, cercando una parola a caso : “sesso”, che considerate sarà la prima ricerca, se non la seconda di qualsiasi ragazzino/ina sui 12/13

Mi sono trovato difronte subito una serie di risultati, che somigliano ad un sito di annunci, ma nella sezione animali, dove si vedono le faccine dei sempre soliti chiuaua, venduti per pochi euro.

La mia impressione da addetto ai lavori è immediata e non lascia scampo.

Per quanto ne so, dai racconti di mia figlia e delle sue coetanee, è vero che i ragazzini parlano di cose sporche, guardano youporn durante gli orari di lezione, si masturbano in classe, si fotografano mentre lo fanno e lo pubblicano in diretta anche sul proprio profilo.

Ma non posso non segnalare, che ci sono anche moltissimi profili, con dei testi molto simili, scritti tutti in maiuscolo, con una sintassi che sembra ripetuta di proposito, che fanno pensare a qualcuno che CREI quei profili DI PROPOSITO.

Non voglio credere che ci siano tanti ragazzini tra i 10 e i 14 anni, che pubblichino certe cose. E quelli poco più grandi? Anche peggio. Mi sembra di essere in uno di quei vicoli che si vedono nei film polizieschi dove c’è il pappone, le puttane, lo spacciatore, l’informatore e il sicario.

E questa sarebbe l’alternativa a Facebook? Beh.. preferisco niente, e anche se oggi  mia figlia mi odia, perchè ovviamente discutiamo sul fatto che io non voglia che lei, solo visiti determinati siti, so che domani mi sarà grata, anche perchè lei è una sportiva, è intelligente e con i suoi successi, se continuerà su questa strada, potrà forse un giorno diventare una grande atleta e girare il mondo, conoscere persone vere e magari riempire qualche triste bacheca piena di selfie, delle sue attuali coetanee, che domani ne condivideranno le gesta nel proprio profilo

Spero che questa carneficina finisca prima possibile e nessuno mi toglierà mai dalla bocca che certi posti sono dei ricettacoli di futuri criminali e poco di buono, oltre ad essere istigatori a comportamenti del tutto inadeguati, per non dire peggio, da parte di poco più che bambini.

Avrei voluto, ma ho preferito non citare nessuno di questi social di second’ordine, per non rischiare sicura querela.

Ma che tu sia genitore o no, sai di chi o cosa sto parlando e fai la cosa giusta, tieni i tuoi cari al riparo da sta roba

Un abbraccio grande

Tags: ,

Emanuele Tolomei

Ho iniziato a fare SEO nel 2005, quando Google si affermava anche in Italia come motore di ricerca più utilizzato. Da allora ho sempre migliorato le mie conoscenze, fino ad arrivare a creare un contenitore, espertoseo.com, che ad oggi ha ricevuto moltissimi riconoscimenti ed è partner di Google in diverse iniziative. Personalmente ho anche imparato ad insegnare uno dei mestieri più affascinanti del nostro tempo: quello del SEO. Insieme a chi ha deciso di diventare nostro cliente, ho SEMPRE raggiunto ogni obbiettivo prefissato, anche il più difficile. Il futuro? Google Puoi contattarmi al 320 676 28 20 oppure scrivendo a webmaster@espertoseo.it

Questo sito usa cookies per facilitare la tua navigazione e per strumenti statistici. Privacy Policy Informativa Cookies Se accedi a qualunque elemento sovrastante questo banner acconsenti all'uso dei cookie Non mostrare più